Alexander Hardcastle – Il Mecenate che recuperò la Valle dei Templi

Alexander Hardcastle – Il Mecenate che recuperò la Valle dei Templi

Scritto da
Lillo Di Piazza

Nel gennaio del 1921, quando Alexander Hardcastle mise piede in Italia, nessuno – tanto meno lui – sapeva quello a cui avrebbe dato inizio. L’età del Grand Tour di allora era finita. E lui si stava avvicinando alla mezza età. Eppure il lavoro che stava per intraprendere nella Valle di Templi di Agrigento sarebbe stato uno dei più ambiziosi e stimolanti che un vecchio signore inglese poteva mai pensare. Ad Agrigento, presso il sito di questo antico insediamento greco sulle rive del sud della Sicilia, Hardcastle ha da subito dato inizio ad una campagna di scavo e restauro audace mai vista prima.

I mucchi tristi di rocce che un tempo facevano parte del Tempio di Eracle erano di nuovo in fila su otto colonne. Scavando si rivelarono anche i muri perimetrali completi che contribuirono a determinare la reale portata del posto. Sono stati scoperti strade che collegavano un’area all’altra.

Hardcastle morì il 27 giugno 1933, dopo un periodo trascorso presso il manicomio locale e fu sepolto in un angolo lontano di Bonamorone, nel cimitero di Agrigento e nella tomba fu aperta una piccola finestra ovale. Finestra che si affaccia sulla sua amata Valle dei Templi e le sue magnifiche vestigia greche.

Potrebbe Interessarti

Commenta