Agrigento West Coast: Scala dei Turchi, Torre salsa/Caltabellotta e Burgio

Agrigento West Coast: Scala dei Turchi, Torre salsa/Caltabellotta e Burgio

Scritto da
Oblo trip

Questo tour vi farà esplorare alcuni dei tesori nascosti della provincia di Agrigento. Oltre alla Valle dei Templi c’è di più e noi vi porteremo a vedere e gustare luoghi che solo gli indigeni conoscono.
Si partirà dal vostro alloggio e come prima tappa ci fermeremo nel comune di Realmonte ai piedi della magnifica Scala dei Turchi, una bianca scogliera a picco sul mar Mediterraneo. Il paesaggio è sorprendente: gli agenti atmosferici, nel susseguirsi delle ere geologiche, hanno scolpito la Scala dei Turchi rendendola una vera e propria scalinata costellata da microfossili, somiglianti ai chiodi conficcati nella roccia dai pirati Turchi per la tenuta delle loro reti.

La leggenda infatti narra di assalti e razzie ad opera di pirati chiamati dai locali “li Turchi”.
Quest’angolo di paradiso, nel 2013, è stato giudicato una tra le più belle 10 spiagge al mondo da Trip Advisor ed è oggi considerato come uno dei migliori luoghi da visitare in Italia.
Per raggiungere la Scala dei Turchi, al contrario dei tour tradizionali e della maggior parte dei turisti che la raggiungono tramite una faticosa scalinata, cammineremo sulla sabbia fine e dorata della spiaggia di Punta Grande apprezzando anche la scogliera che la precede.
Il contrasto tra il bianco della roccia e l’azzurro del mare rende la Scala dei Turchi un piccolo paradiso terrestre.

La nostra mattinata proseguirà con la visita di una meraviglia locale: la riserva del WWF di Torre Salsa.
Qui potrete ammirare le falesie di gesso alternate alle marne calcaree di Globigerina, ricoperte qua e là da strati di argilla.
La vegetazione erbacea e cespugliosa consente tramite stretti sentieri tra le rocce di accedere alla meravigliosa spiaggia: qui il mare è limpidissimo, i fondali rigogliosi di flora e ricchi di fauna e si può godere di una nuotata indimenticabile.
Questa riserva è famosa per le sue spiagge bianche e fini protette dal WWF per la presenza delle tartarughe Caretta Caretta che depongono qui le uova durante il periodo di riproduzione. In alternativa (nel caso in cui le condizioni climatiche non consentono la visita alla riserva naturale) .

Si proseguirà lungo la costa Ovest, superata la città di Ribera, ci dirigeremo verso l’entroterra attraversando i Monti Sicani. La strada che sale lungo il monte Kratas ci condurrà a quello che è il più vecchio villaggio della provincia di Agrigento oltre che uno dei più antichi e caratteristici della Sicilia: Caltabellotta.
Questo villaggio, situato a 949 mt sul livello del mare, fu conquistato dai Romani nel 99 a. C. Successivamente alla caduta dell’Impero Romano d’Occidente e dopo parecchi secoli sotto l’Impero Bizantino, il villaggio fu preso d’assalto dagli Arabi, i quali vi costruirono un castello.
Nel 1090 la città fu conquistata dai Normanni di Ruggero di Sicilia.

A Caltabellotta la nostra escursione vi porterà a esplorare il borgo medievale, visitare l’imponente cattedrale costruita dai Normanni, il castello degli arabi e ancora il famoso Eremo di San Pellegrino: uno dei più bei panorami che la Sicilia offra. Non sarà difficile ammirare l’isola di Pantelleria e apprezzare il contrasto tra il mar Mediterraneo che si estende verso la zona costiera dell’Africa e le alte cime dei monti Sicani.
Durante il nostro percorso avremo modo di fare una pausa e degustare un tradizionale pranzo siciliano preparato solo per voi con cibi freschi e da agricoltura biologica locale o in alternativa pescato del giorno. Nel corso del pranzo avrete anche la possibilità di degustare il famoso Olio Extravergine di Oliva Siciliano prodotto e confezionato da produttori locali.

Dopo pranzo, proseguiremo verso l’antico borgo di Burgio, che fu probabilmente fondato dagli Arabi. Qui ci fermeremo nella parte alta della città e visiteremo il Museo della Ceramica intorno al quale l’atmosfera è tipicamente medievale.
Burgio è famosa per le sue ceramiche e per essere l’unico posto in Sicilia, e forse in Italia, con un’antichissima fonderia di campane ancora in attività. Questo fiore all’occhiello dell’artigianato locale continua a fornire campane in tutto il mondo.

Dopo la visita a questo piccolo tesoro, nascosto e sconosciuto ai più, proseguiremo all’interno del borgo e vi porteremo dentro il convento dei Cappuccini; qui vi accompagneremo a visitare il suggestivo museo delle mummie dove i corpi di diversi frati giacciono ancora vestiti con lunghi abiti talari e adornati da gioielli originali. Sarete protagonisti di un’inquietante e affascinante passeggiata tra scheletri e corredi funerari risalenti al XVIII e al XIX secolo e potrete ammirare corpi mummificati secondo le antiche tecniche dei frati francescani.
Ultima tappa della nostra escursione sarà la più antica bottega artigiana nel centro di Burgio, dove i maestri ceramisti locali ci mostreranno e racconteranno l’antica arte, ancora oggi in uso, per la creazione di questi pregiati manufatti.

  1. Oblò “see as locals” - Il team di Obo vi mostrerà luoghi affascinanti e sconosciuti, lasciandovi una sensazione emotiva e ricordi di un’esperienza unica!

 

Potrebbe Interessarti

Commenta

Tags