10 Curiosità sulla Valle dei Templi di Agrigento che non conosci

10 Curiosità sulla Valle dei Templi di Agrigento che non conosci

Scritto da
Lillo Di Piazza

La Valle dei Templi custodisce i reperti della vecchia Akragas l’antico nome di Agrigento. Uno spettacolo a cielo aperto che nasconde scorci e viste mozzafiato. La Valle dei Templi di Agrigento è uno dei siti archeologici meglio conservati al mondo.

  1. Non è solo Templi

    Il 4 novembre del 2016, dopo una campagna di scavi, viene rinvenuto il teatro ellenistico posizionato poco a sud rispetto al quartiere romano e al Museo Archeologico. Rivolto verso il mare il Teatro di epoca ellenistica ha un diametro di 100 metri ed è rivolto verso il mare.

  2. Patrimonio Unesco

    Dal 1997 la Valle dei Templi di Agrigento è stata inserita nella lista dei patrimoni Unesco dell’umanità.

  3. Parco archeologico più grande

    Con i suoi 1300 ettari la Valle dei Tempi è il parco archeologico più grande al mondo.

  4. 12 Templi

    All’interno del parco archeologico si può godere di ben 12 templi, gran parte dei templi prendo il nome in onore alle divinità del tempo.

  5. Templi e Chiese

    Sulla base del tempio di Atena sorge oggi la chiesa medievale di Santa Maria dei Greci. Il tempio della concordia, invece, fu trasformato in tempio cristiano nel VI secolo d.C.

  6. Duke University

    Nell’agosto del 2007 la prestigiosa università ha messo a disposizione alcuni droni per integrare nel suo ambiente a realtà virtuale l’intero parco archeologico.

  7. Telamoni

    Il tempio di Zeus era interamente circondato da Telamoni, enormi sculture maschili che veniva utilizzate come sostegno in sostituzione delle colonne.

  8. Al Sorgere del Sole

    Tutti i templi del parco archeologico sono rivolti verso est, per rispettare l’usanza classica con la quale alle prime luci del giorno, la statua raffigurante la divinità potesse essere irradiata dal sole.

  9. Mandorleto

    Già nel 1997, il mandorlo, che – con la sua precoce fioritura – è una delle maggiori attrattive turistiche di Agrigento, è stato oggetto di salvaguardia grazie alla creazione del “Museo Vivente del Mandorlo”, un mandorleto che conserva circa 300 varietà tradizionali di mandorlo.

  10. Sempre Aperto

    Il parco è aperto tutti i giorni dalle 8.30 alle 19.00 e il prezzo del biglietto è di circa dieci euro ed ogni prima domenica del mese ingresso gratuito per tutti i visitatori!

Potrebbe Interessarti

Commenta